Groupthink

Groupthink: cos’è il pregiudizio del pensiero di gruppo.

by Enzo Celli

Tutti noi possiamo ricordare un caso in cui i membri di un gruppo hanno preso una decisione che non sembrava completamente giusta, ma che abbiamo accettato perché il gruppo sembrava deciso.

È un classico esempio di “Groupthink – pensiero di gruppo”. Magari ci siamo sentiti troppo intimiditi per sfidare il gruppo. Magari abbiamo annuito perché sembrava più facile di sollevare un’obiezione. Magari ci siamo affidati al gruppo, pensando che il gruppo ne sapesse più di noi.

Se anche a te è capitato di “inghiottire”la tua opinione, sentendo che il consenso fosse la via più nobile da percorrere, potresti essere interessato a imparare che il pensiero di gruppo porta con sé la tendenza al pregiudizio, che soffoca le soluzioni creative o innovative.

In questo articolo scoprirai:

  • Cos’è il pensiero di gruppo?
  • Quando Avvengono I Pregiudizi Di Pensiero Di Gruppo?
  • Scoprire le prove del pensiero di gruppo
  • I risultati del pensiero di gruppo
  • Come evitare il pensiero di gruppo

 

Cos’è il pensiero di gruppo?

Lo psicologo sociale Irving Janis ha stabilito per la prima volta gli effetti insidiosi del pensiero di gruppo attraverso la ricerca che ha condotto nel 1972, dimostrando che c’è una spinta psicologica al consenso nelle decisioni di gruppo. Le persone spesso mettono da parte le proprie convinzioni personali per adottare l’opinione del resto del gruppo.

Perché? La risposta breve è che adottare l’opinione di gruppo è una scorciatoia. Tendiamo a mettere da parte la ragione e il giudizio razionale quando prendiamo decisioni. Cerchiamo inconsciamente di semplificare le informazioni complesse. Questo si chiama Groupthink Bias.

Ma questa tendenza a volte si traduce in un’interpretazione errata dei fatti o delle informazioni particolari che sono state fornite. E, non esaminando noi stessi i fatti, a volte andiamo d’accordo con la scelta sbagliata.

La maggior parte delle persone in gruppo desidera l’armonia. I voti dovrebbero essere “unanimi”. Le opinioni dissenzienti dovrebbero essere ovattate. Per raggiungere questa conformità, le persone spesso mettono da parte la propria opinione e vanno d’accordo con un’idea che in realtà pensano sia scadente o insoddisfacente solo perché alla maggior parte del gruppo piace. Un altro termine opportunamente usato per questa tendenza è “mentalità di gregge. »

Opinioni diverse, possono ostacolare qualsiasi decisione. Il pensiero di gruppo può spostare un gruppo oltre questo ostacolo all’azione. Ma la domanda è: è l’azione giusta?

 

Quando Avvengono I Pregiudizi Di Pensiero Di Gruppo?

Formare un rapido consenso senza applicare un pensiero adeguato, come accade con Groupthink Bias, può avere ramificazioni dannose. Facciamo un esempio in qualche contesto.

– Membri di una giuria popolare

Alcuni membri persuasivi – o anche un singolo membro – possono convincere gli altri per seguire la loro posizione sul fatto che un imputato sia innocente o colpevole. Poiché la maggior parte delle giurie sono ansiose di prendere una decisione in modo che il processo finisca e possano tornare alla loro vita quotidiana, tutti vanno d’accordo con i membri più forti.

Ma se alcuni avessero inizialmente visto le prove in modo diverso e si fossero formati un’altra opinione? Essere coinvolti nel pensiero di gruppo potrebbe rimettere in strada un criminale o una persona innocente dietro le sbarre.

– La sfida degli ingegneri dello Space Shuttle

Dopo anni trascorsi a progettare e costruire la navetta spaziale Challenger, gli ingegneri che hanno esaminato la navetta pochi mesi prima che fosse lanciata il 28 gennaio 1986, si sono resi conto che c’erano parti difettose. Invece di segnalarlo, hanno permesso al lancio di procedere per evitare pressioni negative. È esploso sull’Oceano Atlantico solo 73 secondi dopo il decollo, uccidendo sette persone a bordo.

– Consiglio di amministrazione

Nelle riunioni del consiglio di amministrazione, in cui la maggior parte dei membri del consiglio preferisce un voto unanime, i membri con opinioni dissenzienti possono andare d’accordo con la maggioranza semplicemente per mantenere l’ordine del giorno in corso e nei tempi previsti. Alcuni possono anche esercitare pressioni in modo che nessuno dissenti.

Più tardi, se la decisione ha conseguenze negative, il verbale della riunione mostrerà che tutti hanno votato a favore, quindi nessuno può essere individuato e ritenuto responsabile di avere un cattivo giudizio.

– Riunioni di marketing

Quando c’è un capo che ha un’opinione forte, è più facile (e più sicuro!) per i suoi subalterni ansimare e dire “sì”, indipendentemente dalla loro comprensione della campagna.

– Gruppi di ricerca medica

Groupthink Bias potrebbe avere un effetto dannoso se i ricercatori medici scegliessero di trascurare i dati critici che indicano risultati meno che favorevoli. In particolare, le aziende farmaceutiche che cercano di dimostrare che un farmaco è sicuro ed efficace sono sotto pressione per portare il farmaco sul mercato il più rapidamente possibile per trasformare il prodotto in profitto.

 

Scoprire le prove del pensiero di gruppo

È molto probabile che il pensiero di gruppo si svolga in situazioni in cui c’è una crisi temporale, un fattore di costo o un differenziale di potere, poiché le persone sono più inclini a voler mantenere la pace che a offrire opinioni o prove opposte.

Noi umani, come animali sociali, tendiamo a voler conformarci al gruppo, e quindi ignorare (o non condividere) i dubbi in modo da non “distinguerci” dall’unità del gruppo. Inoltre, non vogliamo che l’obiezione che condividiamo faccia sì che gli altri ci emarginino.

 

I risultati del pensiero di gruppo

In questi tempi in cui affrontiamo così tanti problemi apparentemente insormontabili, abbiamo bisogno di idee e soluzioni inventive più che mai. Eppure, con Groupthink che guida le nostre discussioni sulla risoluzione dei problemi, facendo sì che i membri del gruppo si autocensurano o che se ne vadano con la risoluzione più opportuna, impediamo al nostro pensiero migliore di prendere radici.

I costi di Groupthink portano a mediocrità e a una scarsa risoluzione dei problemi. Le informazioni essenziali vengono ignorate, inoltre, le soluzioni veramente utili potrebbero non essere prese in considerazione perché provocano resistenza.

Inoltre, Groupthink spesso promuove lo status quo piuttosto che consentire e incorporare punti di vista diversi e divergenti.

 

Come combattere il pensiero di gruppo

Usa questi suggerimenti per combattere Groupthink, per veicolare discussioni più produttive, far emergere nuove idee e per migliorare il processo decisionale.

1. Chiedi a qualcuno di interpretare il ruolo di avvocato del diavolo.

Soprattutto se hai una persona che spesso agisce come un dissidente schietto, assicurati di prendere in considerazione le idee di questo membro del gruppo. Oppure, a turno interpretare il ruolo in modo che il gruppo abbia tempo per eventuali obiezioni o alternative.

2. Assicurati il feedback dei membri più introversi.

Se i membri più “esuberanti” – o un leader assertivo – del gruppo tendono a dominare la discussione, introdurre una regola di base che consenta ai membri più reticenti di esprimere le proprie idee. Questo può richiedere un po’ di tatto, soprattutto se è in risposta a un leader forte che preferisce pontificare piuttosto che cedere la parola.

3. Costruisci un tempo di confutazione prima di finalizzare le decisioni.

Prima di qualsiasi decisione importante, programmare una riunione di revisione. Concedi ai membri del gruppo il tempo di digerire ciò che hanno sentito e fornire l’opportunità di esprimere dubbi.

4. Membri di sondaggio prima della riunione di gruppo.

Usa un programma di indagine, come Survey Monkey, per avere un’idea della posizione dei membri prima dell’incontro. Tentare di fornire scelte alternative, offrire gamme di accordo o disaccordo per valutare il livello di allineamento e consentire domande e commenti. Pubblica le risposte al gruppo e usa i risultati per iniziare la tua discussione.

5. Considera di invitare esperti esterni

Chiedi ad u esperto di partecipare a una discussione e poi di fornire un feedback sulle idee espresse.

 

Conclusioni

La società pone l’accento sulla collegialità, ma quando la posta in gioco è alta, è meglio pensare senza catene mentali.

Parla se hai un punto valido o una prospettiva diversa. Quando offri opinioni ponderate, non significa che sei irrispettoso delle posizioni degli altri, ma che ti interessa che le idee migliori, più creative e ponderate siano quelle che vengono messe in atto.

Leggi anche 8 modi per trasformare la crisi professionale in opportunità

Iscriviti alla newsletter di crescita personale gratuita

Iscriviti alla newsletter dedicata alla crescita personale. È gratuita

Scoprirai strategie, tecniche e consigli pratici che ti aiuteranno nella vita di tutti i giorni.

Related Articles

Il blog

ORBO NOVO tratta di tematiche di crescita personale elaborando il concetto di nutrimento espandendolo a tutte le componenti che arricchiscono l’individuo materialmente, intellettualmente e spiritualmente.

Iscriviti alla Newsletter

Copyright @2022  All Right Reserved – Privacy and Policy