Per mantenere il cervello giovane, fai escursioni

by Enzo Celli

Neuroscienza: per mantenere il cervello giovane fai escursioni. Camminare ovunque fa bene al tuo corpo. Camminare all’aperto fa bene anche alla tua mente.

Se c’è qualcosa di scientificamente pluri-provato, è che il camminare e la natura fanno bene. Uno studio recente ha dimostrato che camminare solo 15 minuti al giorno può aggiungere anni alla tua vita, mentre un eminente neuroscienziato ha definito il camminare “un superpotere”.

Nel frattempo, molti studi mostrano che passare del tempo nella natura riduce lo stress, aumenta la felicità e l’autocontrollo e ti rende più creativo.

Ora immagina cosa succede se metti insieme queste due attività?

Nel linguaggio di tutti i giorni lo chiamiamo escursionismo e, secondo un nuovo libro del neuroscienziato Daniel Levitin, allacciarsi gli scarponi e percorrere i sentieri non solo offre tutti i benefici dell’esercizio e dei grandi spazi aperti combinati, ma aiuta anche a mantenere giovane il cervello.

 

Fai una gita. Il tuo cervello ti ringrazierà.

Il libro di Levitin, Successful Ageing, è stato pubblicato poco tempo fa, quindi l’autore sta facendo il solito giro di apparizioni sui media. Tra tutte queste interviste c’era una conversazione con Jill Suttie del Greater Good Science Center della UC Berkeley in cui menziona i grandi vantaggi di fare un’escursione.

Levitin afferma che si, mantenersi attivi in ​​qualsiasi modo è positivo, ma se sei relativamente sano e stai cercando un modo per mantenere il tuo cervello giovane, l’escursionismo offre vantaggi cognitivi unici.

“Se parli di salute del cervello, l’ippocampo – la struttura cerebrale che media la memoria – si è evoluto per la geonavigazione, per aiutarci cioè a ricordare dove stiamo andando, in modo che possiamo avvicinarci al cibo e ai compagni e lontano dai pericoli. Se non manteniamo quella parte esercitata, lo facciamo a nostro rischio e pericolo. L’ippocampo può atrofizzarsi “, avverte.

Un’escursione è un modo ideale per mantenere quella particolare parte del cervello in perfetta forma. “Stare fuori è bello, perché tutto può succedere”, spiega. “Stai incontrando alberi e radici e rocce e creature; hai rami bassi sotto i quali devi abbassarti. Tutto quel genere di cose è essenziale per mantenere giovane un cervello.”

 

Altri motivi per fare un’escursione

Tutto ciò è affascinante se desideri mantenere il tuo cervello il più acuto possibile il più a lungo possibile. Ma gli scienziati non sono gli unici esperti che hanno valutato i vantaggi di arrampicarsi su un sentiero. Una serie di creativi e pensatori testimoniano anche che le lunghe passeggiate nella natura hanno un potere unico di smuovere nuove idee nel tuo cervello. Il che potrebbe essere il motivo per cui così tante grandi menti della storia, da Charles Darwin a Steve Jobs, sono state degli escursionisti impegnati.

Come lo scrittore Craig Mod ha detto nel suo inno all’escursionismo, “camminare muove o calma la mente, consentendo la scoperta di sé”.

Quindi, se stai cercando la migliore versione di te stesso, o semplicemente sperando di preservare il sé ben funzionante che hai ora, potresti prendere in considerazione l’idea di fare una lunga passeggiata in montagna. Il tuo cervello ti ringrazierà.

Leggi anche Come concentrarsi sul positivo per raggiungere il tuo obiettivo nella vita

Related Articles